Bergamo e la sua Città Alta

Con la doppia natura di citta di montagna e di pianura sintetizza la sua dimensione urbanistica. Città Alta, Storica e Mediovale, Città Bassa, più funzionale e ricca di Borghi.
A Bergamo Alta si arriva in due modi: o con la funicolare che parte dalla città bassa o a piedi e quando l’accesso è libero si può salire anche in macchina.

La prima cosa che vi stupirà di Bergamo Alta sono le sue Mura Venete, proclamate Patrimonio Mondiale dell’Unesco. La città alta infatti è circondata da questa cinta muraria, che risaliva all’epoca romana e che fu ricostruita in seguito in epoca medievale e rinascimentale. La città si presenta così come un borghetto molto caratteristico, con le sue abitazioni e le botteghe che ancora oggi hanno mantenuto l’aspetto tradizionale. Potete fare una passeggiata attorno alle mura e ammirare sotto di voi gli orti botanici, mentre davanti ai vostri occhi si presenterà un panorama splendido di tutta la città bassa.

Arrivati in città alta dalla funicolare, potete dirigervi verso la Piazza Vecchia, dove si trovano le principali attrazioni: la Biblioteca civica Angelo Mai, l’Università di Bergamo, il Capannone, che un tempo era la torre che alle ore 22 suonava, e ancora oggi viene ricordato e suonato, per 100 rintocchi per ricordare agli abitanti la chiusura delle porte della città, e la Fontana Contarini. Lungo la via che porta alla piazza, potrete anche fermarvi a dare un occhiata nei negozietti e caffè di città alta.

Da Piazza Vecchia, passando sotto un arco si arriva davanti al Duomo di Bergamo, dedicato a Sant’Alessandro. La cattedrale è un esempio di stile neoclassico e barocco e al suo interno potrete ammirare le tele di numerosi artisti. Accanto al Duomo sorge la basilica di Santa Maria Maggiore, in stile romanico e il Battistero, nel quale sono conservate le spoglie di Donizetti, personaggio illustre della città.

Sulla piazza del Duomo di Bergamo Alta, addossata alla basilica di Santa Maria Maggiore si trova la La Cappella Colleoni, opera rinascimentale di Giovanni Antonio Amadeo.

Lasciando Piazza Vecchia alle vostre spalle, proseguite verso Piazza della Cittadella, dove si trovano il Museo civico archeologico e il Museo di scienze naturali. Oltrepassando la Cittadella, arriverete a Colle Aperto, dove potrete osservare una delle quattro porte di Bergamo, la Porta di Sant’Alessandro. Sempre in via Colle Aperto si trova l’Orto botanico, oggi sede anche della Facoltà di Lingue e Letterature straniere di Bergamo. Esiste a Colle Aperto una seconda funicolare che vi porta al Colle San Vigilio, dove si trova l’omonimo Castello che in passato aveva una funzione difensiva.